A tu per tu con la magia del vino

AGRITURISMO: A TU PER TU CON LA MAGIA DEL VINO

 Agriturist (Confagricoltura): il modo migliore per cogliere tutte le emozioni “contenute” nel vino, è andare ospiti nell’azienda che lo produce, passeggiare fra i vigneti,  visitare la cantina, conoscere il produttore. 

In questi giorni il Vinitaly accende i riflettori sui tanti aspetti della produzione e del mercato vitivinicoli. Ma – osserva Agriturist – oltre l’alta specializzazione e i grandi mercati internazionali, c’è un’ altra “visione” del mondo del vino, discreta, diffusa, poco percettibile alle cronache dei grandi fenomeni commerciali e dei relativi grandi numeri, offerta dall’agriturismo.

Si può dire tranquillamente – prosegue la nota di Agriturist – che solo la vacanza “in fattoria” offre un “a tu per tu” col vino tale da farlo conoscere profondamente all’ospite, cogliendone ogni “magia”, generando una fidelizzazione potentissima e un passaparola decisamente efficace.

Almeno il 30% delle 21 mila aziende agrituristiche italiane – secondo una stima di Agriturist – è produttrice di vino: si va dalla piccola azienda con solo un ettaro di vigneto, che produce un’onesto vino “della casa”; alla grande tenuta vitivinicola, artefice di diversi vini di alta qualità; attraversando, ovviamente, mille casi intermedi, per dimensione e livello qualitativo.

L’una e l’altra traggono dall’agriturismo importanti benefici. La prima offrendo all’ospite, servendolo a tavola o vendendolo direttamente, un prodotto a buon prezzo che non troverebbe altro mercato; la seconda facendo dell’ospitalità una vetrina di prestigio, che si concretizza in visite guidate alla cantina, qualificate degustazioni, studiati accostamenti enogastronomici e infine anche vendita diretta. Fra gli ospiti, di quest’ultimo caso, ci sono anche acquirenti importanti che, prima di stabilire accordi commerciali, vengono a conoscere, per qualche giorno, luoghi, metodiche enologiche e produttore.

Ovunque, l’agriturista vive l’emozione della passeggiata fra i vigneti, del colloquio col produttore, del “vedere” la storia, i luoghi e il “come si fa”, di quello che, semplice o nobile, versa nel bicchiere, magari spillato direttamente in cantina, da un moderno tino di acciaio inox come da una antica botte. Ogni vino, modesto o prestigioso che sia, ha dietro di sé un racconto e nel bicchiere qualcosa da dire. L’occasione di vacanza lo arricchisce ulteriormente, legandolo a tutto quello che c’è intorno, alla memoria del paesaggio e della natura, delle cose viste, fatte, gustate.

L’ospite traduce queste emozioni in una solida fidelizzazione, che lo porta, finito il soggiorno, ad acquistare preziosi souvenir in bottiglia (secondo CENSIS Servizi, per una spesa media di circa 35 euro a enoturista); a tornare sul posto per ripetere l’esperienza e l’acquisto; ad acquistare il vino a distanza quando la scorta domestica si esaurisce, o si presenta l’opportunità di fare un regalo “non qualsiasi”.

Lascia un commento

aprile 9, 2013 · 6:54 pm

I commenti sono chiusi.